L’ANGOLO DELLE PIANTE

SCRITTO DA MAURIZIO DI TULLIO

Durante la mia infanzia ho iniziato a scoprire che la natura intorno a noi può darci tanto. A volte nemmeno riusciamo a renderci conto di quanto sia estremamente variegata e ricca. Anticamente molte delle piante che vediamo nei prati o in un bosco venivano utilizzate come nutrimento o come medicamento. All’università ho riscoperto quel mondo seguendo il corso di Farmacognosia, una branchia della farmacologia che studia le piante sotto l’aspetto dei loro principi attivi e dei loro utilizzi.

Perché ho deciso di parlarvi di questo su un sito che parla di infanzia e di genitori?

Il motivo risiede nel non perdere le nostre radici (in questo caso parlando di piante va benissimo). Insegnare ad un bambino il rispetto per la natura e fargli capire che in questo modo Lei potrebbe ripagarci in modi inimmaginabili potrebbe portare il mondo in una direzione migliore. Vi sembro un sentimentalista/sognatore? Forse lo sono davvero ma credo che i nostri figli siano la chiave di volta del nostro futuro. Restando sulle piante posso dirvi che dei miei cari amici mi hanno regalato un ulivo qualche tempo fa. Ho portato a casa questa pianta dopo un viaggio in macchina di circa 600 km ed arrivati a casa spostai il suo vaso in diverse zone per cercare di identificare la migliore. Quando trovai il punto giusto iniziai a scavare per piantarla, eliminai i rami in eccesso, permettendole di ambientarsi al nuovo ambiente e di crescere liberamente.

Perché parlare di questo bellissimo ulivo?

Perché le piante come i bambini (o le persone) hanno bisogno di essere seguite durante il loro percorso, hanno bisogno di perdere dei rami in eccesso, ed hanno bisogno anche di acqua e concime. Cambieranno le sostanze ma la forma resta identica. Quindi sfruttiamo il nostro tempo per scegliere i “concimi” migliori per le giovani menti che un domani governeranno il mondo.

Non vi ho ancora detto come mi è venuta in mente l’idea di iniziare a scrivere oggi. Passeggiando con i miei figli, ho visto una pianta che da piccolo utilizzavo molto spesso per giocare. I miei figli erano incuriositi come lo ero stato io molti anni fa. Sapete cos’è la Parietaria? Rispondete fra i commenti se volete e mi raccomando non vale sbirciare su Google…Leggete il mio prossimo articolo e scoprirete qualcosa in più su questa strana erba!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *